Mercati

Europa

Mercato stabile nel 2023

Come di consueto, ecco un riepilogo delle statistiche degli ultimi 10 anni dei principali mercati europei di autocaravan e caravan. Il 2023 mostra una stabilizzazione delle immatricolazioni rispetto al 2022, frenando la tendenza al ribasso osservata rispetto al 2021

Il mercato europeo dei veicoli ricreazionali ha visto importanti variazioni tra il 2022 e il 2023, con tendenze divergenti tra i segmenti dei caravan e degli autocaravan. Le immatricolazioni di caravan hanno registrato un costante declino, con un calo del 10,1% sia tra il 2021 e il 2022, sia tra il 2022 e il 2023. In controtendenza, il segmento degli autocaravan, dopo un significativo calo del 18,7% tra il 2021 e il 2022, ha mostrato una leggera stabilizzazione nel 2023 con una flessione minima dello 0,8%.

Caravan
Il segmento delle caravan ha mostrato un costante declino negli ultimi tre anni. Le immatricolazioni sono diminuite del 10,1% tra il 2021 e il 2022, e ulteriormente del 10,1% nel 2023. Nel 2022, le unità immatricolate in Europa sono state pari a 70.892. Questo numero è sceso nel 2023 a 63.751 unità, un decremento che può essere attribuito a vari fattori, tra cui una possibile saturazione del mercato, un cambiamento nelle preferenze dei consumatori e potenziali difficoltà economiche che hanno influenzato la capacità di acquisto dei clienti.
Paesi come la Germania hanno registrato un calo significativo, passando da 24.478 caravan nel 2022 a 21.896 nel 2023, con una diminuzione del 10,6%. Allo stesso modo, il Regno Unito ha visto un calo del 5,0%, scendendo da 13.884 unità a 13.193 unità. In controtendenza, la Francia ha mostrato una leggera crescita dell’1,6%, passando da 7.330 a 7.448 unità, segnalando una certa stabilità.

Autocaravan
Il segmento degli autocaravan ha mostrato dinamiche diverse rispetto alle caravan. Dopo un forte calo del 18,7% tra il 2021 e il 2022, le immatricolazioni sono diminuite solo leggermente nel 2023 (-0,8%), passando da 147.498 unità a 146.339 unità. Questo suggerisce che, sebbene il mercato abbia subito una significativa contrazione rispetto al 2021, si sta stabilizzando, indicando un’attenuazione della flessione e una potenziale ripresa. In particolare, in Germania, le immatricolazioni di autocaravan sono aumentate del 2,9%, passando da 66.507 unità nel 2022 a 68.469 nel 2023. Anche il Regno Unito ha registrato un incremento del 3,4%, con un aumento da 11.823 unità a 12.219 unità. La Francia, invece, ha registrato una diminuzione del 2,7%, passando da 24.611 unità a 23.936 unità.

Tra i Paesi con le peggiori performance c’è la Svezia che ha subito uno dei cali più significativi. Sul segmento caravan, nel 2022, la Svezia ha registrato 3.164 immatricolazioni, mentre nel 2023 questo numero è sceso a 2.013, segnando un calo del 36,4%. Per i motorizzati le immatricolazioni sono passate da 3.498 unità nel 2022 a 2.676 unità nel 2023, con una diminuzione del 23,5%. Anche la Norvegia ha registrato cali importanti: a fronte di 2.177 caravan immatricolate nel 2022, è scesa a 1.709 nel 2023, con una diminuzione del 21,5%. Simile anche il calo nel segmento autocaravan, con immatricolazioni passate da 2.053 unità nel 2022 a 1.618 unità nel 2023 (- 21,2%). Male anche l’Austria, con una diminuzione del 20,1% sulle caravan (1.085 unità nel 2022 e 867 nel 202) e del 20,8% sugli autocaravan (4.781 unità nel 2022 a 3.786 nel 2023).